CANDIDATURE

Intervistato dal Corriere il ministro Padoan sembra pronto a candidarsi a premier di un governo Pd-Forza Italia. Padoan difende le mancette elettorali renziane che però a tutto sono servite tranne che a rimettere in moto l’economia. Dice che avrebbe voluto abbassare le tasse alle imprese ma Renzi disse no, meglio gli 80 euro. Sostiene di aver abbassato il rapporto deficit-pil ma sono anni che il debito italiano è fuori controllo. La verità è che Padoan, Renzi, Gentiloni una sola cosa hanno fatto, andare a pietire a Bruxelles più flessibilità sui conti pubblici e dopo averla ottenuta sprecare tutto con provvedimenti spot e spesa pubblica a gogò. Noi diciamo stop alla mance, #nodeficit, #nodebito, e soprattutto chiediamo che dopo il voto non venga tradito il mandato degli elettori. Vogliamo un vero centrodestra di governo, dobbiamo ricostruire il nostro Paese con più investimenti, più crescita, meno tasse, zero burocrazia, una Pa digitale più efficiente e meno costosa. Altro che 80 euro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *