PINGITORE -PUNIRE I MALEDUCATI

 Un televisore a tubo catodico in Nevegal, mattoni e calcinacci a Sopracroda, pacchetti di sigarette e cicche a volontà un po’ ovunque. Mini discariche sparse in città, ai lati delle strade, spingono il consigliere comunale Francesco Pingitore a scendere in campo. A pungolare l’amministrazione per chiedere maggior attenzione e più sanzioni. «Per almeno quattro settimane ho attraversato in lungo e in largo la città monitorando bene tutto spiega il capogruppo di Patto Belluno Dolomiti in Consiglio comunale , girando le frazioni mi sono imbattuto in tante situazioni di abbandono di rifiuti. Ho fotografato mozziconi a terra, ce ne sono migliaia e migliaia lungo i cigli dei marciapiedi. Per non parlare delle cacche di cane. Ci sono zone, come via Barozzi e via Dassi che, essendo gli itinerari privilegiati dei cani e dei loro proprietari, sono pieni di escrementi a terra. Ci sono anche lattine di birra lasciate sopra i muretti lungo le strade, come quello a lato del tribunale». Alla rotatoria di Cusighe Pingitore ha trovato stracci abbandonati, in località Vaus verso Sopracroda ci sono inerti a terra, un cumulo di calcinacci e mattoni che spicca sul prato e un piccolo televisore in località Alpe in Fiore in Nevegal. Insomma, dalle perlustrazioni il consigliere ha portato a casa un album fotografico di desolazione e maleducazione. Oggi, con questo reportage in mano, intende interrogare la giunta Massaro e riportarla ai propri doveri. «Si dovrebbe verificare come mai in varie strade Bellunum non passi spesso scrive , ad esempio in via Barozzi , via Andrea di Foro, via Cusighe e via Dassi. Ci sarebbe inoltre bisogno di maggiori controlli assieme alla polizia municipale e di far ripulire le zone descritte, di sanzionare chi sporca». Cestini e toilette dog dovrebbe essere più frequenti, secondo Pingitore, e sarebbe opportuna una campagna di sensibilizzazione per i maleducati che invece di recarsi in discarica, scaricano ai lati delle strade. «Vorrei inoltre sapere – conclude – quante sanzioni amministrative sono state elevate dai vigili urbani da gennaio a dicembre 2018, per l’abbandono di cicche di sigarette, in ottemperanza ad una legge specifica uscita da circa due o tre anni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *