Pingitore: Il degrado

Mozziconi di sigarette e cacca dei cani abbandonati in qualsiasi punto della città. Anche su queste quotidiane inciviltà è stata incentrata la riunione della seconda Commissione consiliare, convocata su richiesta del consigliere Francesco Pingitore, dopo la risposta ad una interpellanza riguarda il decoro urbano, ritenuta non soddisfacente, da parte della giunta. L’interpellanza riguardava dunque anche le cicche e gli escrementi dei dei cani sparsi soprattutto in centro. «La riunione – è il resoconto fatto dallo stesso Pingitore – è andata molto bene ed è durata circa due ore, e ha visto una grossa partecipazione sia del commissari, della giunta e dei rappresentanti degli uffici addetti, compreso il comando della polizia urbana. Tutti hanno preso atto del serio problema». Oltre ai problemi sopra menzionati, sono stati affrontati anche quelli delle transenne lasciate a lungo sul posto dopo l’utilizzo fatto di caso in caso, cioè mercati e manifestazioni socio-sportive. Focus anche sugli imbrattamenti dei muri, un atavico e vecchio problema che, a detta del consigliere del Patto Belluno Dolomiti, da sette anni sembra essere aumentato. E, a tal proposito, «dell’idropulitrice, non si capisce perché essa sia stata usata pochissimo: va usata per pulire parecchie mura e i sottoportici del centro, oramai indecenti per una città che è sempre sul podio per la qualità della vita». Insomma, degrado e ancora degrado. Dai problemi alle soluzioni. «Abbiamo evidenziato – fa sapere Pingitore – come si può fare prevenzione, mandando a casa delle famiglie una brochure, magari tramite le bollette della Bellunum, dove si informa che tenere sporca la città non conviene: più si sporca e più costa, che esistono le sanzioni per i malcapitati avventori, e le multe sono anche salate. Quindi sia educativo e sanzionatorio. Da tenere conto che da quando è uscita la legge che prevede di non buttare cicche e gomme americane per strade, non è stata rilevata nessuna multa. Quindi bisogna cambiare rotta, perché con già le numerose leggi che poi non si fanno rispettare, non è accettabile». Altra questione, la richiesta di installare più cestini per le strade e nel centro città «così non ci sono scuse».

gazzettino 17.4.19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *