ALBERO PERICOLANTE IN NEVEGAL

Albero pericoloso. L’avvertenza campeggia a caratteri grandi e neri su un cartello appeso ad un abete lungo la strada che porta in Nevegal. La pianta incombe propria sulla via e non lascia tranquilli chi transita sulla comunale. A voler portare il problema all’attenzione dell’amministrazione è Celeste Balcon, membro del Patto Belluno Dolomiti, residente del Castionese ed ex consigliere comunale. Il foglio bianco, inserito in una busta di plastica per essere protetto dalla pioggia, è appeso da giorni ad un ramo della pianta e l’uomo vorrebbe capire se l’amministrazione intende prendere provvedimenti. Tagliare i rami pericolanti o, se risulta necessario, tutto il fusto. «Si trova a circa 300 metri dal santuario, lungo la strada provinciale spiega Balcon -. Stiamo parlando di una zona piuttosto trafficata. Mi chiedo, invece di mettere il cartello di avvertenza, non sarebbe meglio risolvere il problema? O si sposta la strada o si taglia l’albero». Non è chiaro quando sia comparso il pericolo, ma probabile che siano stati la tempesta e il vento di Vaia a mettere in difficoltà la pianta e a renderla precaria. Il Nevegal, d’altra parte, è stata una zona particolarmente battuta dalla furia del meteo di fine ottobre e non si contano gli alberi caduti a terra sotto le sferzate del vento. «Mentre nei boschi le operazioni possono essere portate avanti con calma – conclude Balcon -, nelle zone più frequentate e a ridosso delle strade la messa in sicurezza è di urgenza fondamentale».

da gazzettino 22.5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *