Nevegal il salotto di Belluno Capoluogo

Nevegal il salotto di Belluno Capoluogo
Sovente i media locali riportano di incontri, visite e tavoli con l’intento di risolvere i problemi del Nevegal.
Il tutto encomiabile come meritevoli sono le idee, ma il tutto deve avere una logica conclusione e giungere ai fatti concreti.
Il Nevegal ha avuto un passato florido con avvenimenti di rilievo, ricordo ad esempio negli anni cinquanta/sessanta la costruzione della seggiovia, la festa nazionale della montagna. Quanto entusiasmo e quanta gente sul Colle.
Nel 1985 il grande evento sportivo delle Universiadi invernali, poi empre più verso il declino.
Poi un forte colpo di reni dell’allora Amministrazione Prade che portò alla tappa a cronometro del Giro d’Italia da Piazza dei Martiri al Piazzale della seggiovia.
Una vetrina internazionale per il nostro territorio grazie alla Televisione che ha trasmesso la gara in diretta per ore.
Quanta gente, quanto ordine e pulizia e quanto rosa lungo il percorso.
Su quell’onda ci si aspettava un seguito ma il declino l’ha fatta ancora da padrone, con le varie vicissitudini per gli impianti.
Unico evento di rilievo i danni di VAIA.
Tornando a quanto dicevo all’inizio oggi è il momento di agire in sinergia concretamente, senza discutere se è meglio la stagione invernale o quella estiva.
Il Nevegal salotto buono di Belluno, a dieci minuti dal centro Città e autostrada e a tiro di schioppo dalla pianura, necessita di strutture ricettive e di attrazione in modo tale da poter coniare come “NEVEGAL-BELLUNO tutto l’anno” senza se e senza ma, senza polemiche e senza campanilismi da parte di soggetti e delle categorie interessate.
Da non dimenticare il turismo religioso. Non è possibile che i pulman arrivino al Santuario e dopo una Santa Messa partano per altre destinazioni, non siamo mica a Venezia dove fa comodo il mordi e fuggi. Tutta quella gente abbia la possibilità di vedere ua seggiovia che funziona e un centro vivo, con un panorama meraviglioso.
Si sfrutti l’opportunità di fare dei pacchetti di utilizzo di gruppo della seggiovia e con lo scontrino di cassa poter poi bere un caffè o una bibita. Senz’altro la gente torna e pensare al detto che una ciliegia tira l’altra.
E da ultimo il Nevegal necessità della residenzialità così da diventare un paese o frazione con la conseguenza della creazione di tutti i servizi atti a soddisfare la popolazione.
Fermamente Nevegal-Belluno tutto l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *