Pingitore: «C’è incapacità a prendersi responsabilità»

Pingitore: «C’è incapacità a prendersi responsabilità»
DITO PUNTATO

BELLUNO Nell’ultimo consiglio comunale, abbiamo assistito all’ennesima farsa». Francessco Pingiotere (Patto Belluno Dolomiti) morde così sulle caviglie della maggioranza sul tema-parcheggi. «Dopo diverse interrogazioni e mozioni con raccolte firme sulla viabilità di Cavarzano, abbiamo visto la petizione sulla sosta selvaggio in centro. Noi come opposizione ci siamo sentiti responsabili di accoglierla e la discuteremo, visto che la responsabilità di tutto questo è da attribuire all’inerzia di Giunta e maggioranza che vota una petizione e riprende se stessa che non è capace a gestire i contenitori urbani ereditati da altre amministrazioni. Non sa coniugare piazza Duomo con il parcheggio di Lambioi. Non sa tenere in servizio, basterebbe fino alle 10 di sera, un vigile urbano o nonno vigile. Siamo basiti nell’aver visto per tre mesi una sperimentazione di mobilità al Duomo senza nessun risultato». Un’amministrazione «senza idee ed iniziative», secondo Pingitore, che riprende un altro caso, quello dell caduta dei calcinacci all’ex distretto militare: «Ha fatto chiudere un pezzo di marciapiede senza togliere due parcheggi per adibirli al passaggio pedonale. Un’amministrazione brava ad arrampicarsi sugli specchi su qualsiasi argomento, ma che nai fa mea culpa. É facile dare la colpa agli altri, quando non si è capaci di prendersi responsabilità. Si aspetta la petizione dei cittadini, ed è molto negativo: le petizioni devono essere fatte non su cose già esistenti (i divieti), ma su ciò che va fatto, tipo un’opera pubblica, dall’illuminazione a dei marciapiedi, e allora sì che ha un senso».gazzettino 9.11.19

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *